Personal branding: strategie, canali e alcuni casi di successo

Illustrazione con personaggi sul podio del personal branding - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Il personal branding riguarda la costruzione di un marchio che le persone riconoscono e associano a te. In altre parole, devi creare un personaggio che si distingua dalla massa.

Il personal branding non riguarda solo la creazione di un buon curriculum vitae o un profilo LinkedIn. Si tratta di sviluppare un insieme unico di abilità, esperienze e interessi che ti facciano distinguere dalla massa.

Questa guida ti aiuterà a capire l’importanza del personal branding e ti darà alcune idee su dove iniziare.

Chi dovrebbe fare personal branding?

Le strategie di personal branding sono utilizzate da individui che vogliono costruire il proprio marchio online. Possono essere impiegati da imprenditori, liberi professionisti, consulenti, blogger, autori, artisti, musicisti, politici, attivisti e altri. 

Il personal branding è la pratica di creare un’immagine pubblica per se stessi attraverso varie forme di media come social media, blog, siti Web e video. Un personal brand è la somma della propria presenza online. Include il contenuto che si crea, le immagini che si pubblicano, i collegamenti che si condividono e le conversazioni in cui ci si impegna. È una combinazione delle cose che dici, scrivi, fai e condividi. In qualità di professionista, il tuo marchio personale verrà utilizzato da altri per giudicare se vogliono assumerti, collaborare con te o interagire con te. Il tuo marchio personale è la prima impressione che gli altri hanno quando ti incontrano. Il tuo marchio personale dovrebbe riflettere chi sei e cosa rappresenti. Dovrebbe aiutarti a costruire credibilità e affidabilità, migliorando la tua brand awareness.

La brand awareness che cos’è definizione ed esempi

Per parlare di Personal Branding è necessario definire anzitutto cosa sia la Brand Awareness. Dall’inglese “consapevolezza di marca” o “notorietà di marca”, per brand Awareness si intende il grado di conoscenza di un brand da parte del suo pubblico di riferimento. 

Col termine brand awareness ci si riferisce alla capacità del pubblico non solo di riconoscere la marca e ricordarla, ma anche di collegarla al suo logo, ai suoi valori e ai suoi prodotti e servizi.

I livelli di brand awareness sono schematizzati nella Piramide di Aaker; ogni brand parte dal più basso, il livello della “non conoscenza”, per poi scalare a “conoscenza superficiale”, “conoscenza approfondita” fino ad arrivare al livello “Top of Mind”. In quest’ultimo livello, l’apice della piramide,  stanno i brand più conosciuti e noti al pubblico. Con una buona strategia di marketing, ti sarà possibile individuare il livello a cui si trova attualmente il tuo brand, e scalare al livello successivo. 

Schema piramidale per spiegare i livelli della Brand Awareness - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Piramide di Aaker – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Perché è così importante la brand awareness? Una maggiore brand awareness è strettamente collegata a un maggiore successo della marca stessa. Non è un segreto che i consumatori siano più propensi ad acquistare e favorire prodotti di cui hanno già familiarità rispetto a un brand sconosciuto. Basti pensare a Coca-Cola, top of mind del suo settore merceologico, rispetto ad altri marchi di bibite gassate; posti davanti alla scelta, qualsiasi consumatore favorirebbe il brand più famoso rispetto a un altro prodotto meno conosciuto.

Quando si parla di brand, però, è bene tenere a mente che non ci si riferisce solo a prodotti. Un brand può essere identificato anche come una persona; in questo caso, si parla di Personal brand. Per curare il tuo Personal brand e accrescere la sua Brand Awareness, è necessario quindi adottare strategie di Personal Branding.

Significato di Personal branding

Secondo Wikipedia, “Il personal branding è l’attività con cui prima si consapevolizza e poi si struttura la propria marca personale.”

Le strategie di Personal branding mirano quindi a creare un piano per definire e delineare il tuo Personal Brand, aumentandone la notorietà. Il tuo Personal Brand è, in breve, l’immagine che il pubblico ha su di te.

Citando proprio Jeff Bezos “Il tuo brand è ciò che le altre persone dicono di te quando non sei nella stanza”.

Il brand personale si può definire quindi come una combinazione della tua presenza sia offline che online e corrisponde alle tue caratteristiche peculiari, i valori, le esperienze e le capacità che vuoi rendere pubbliche e riconosciute.

Al giorno d’oggi è essenziale curare il proprio Personal Brand, sia offline, ma soprattutto online. Nel secondo caso, si parla di strategie di Digital Personal Branding; una strategia di Branding che va a curare la propria identità online nei minimi dettagli, focalizzandosi sui Social Media. 

https://studiomakoto.it/wp-content/uploads/2021/12/Frame-img.png

Che tu sia responsabile marketing digitale di una grande azienda o un ristoratore, Studio Makoto saprà affiancarti in ogni attività di marketing e comunicazione con un solo obiettivo: la crescita del tuo fatturato.

Contattaci!

Come compilare il personal branding Canvas

Il personal branding Canvas è un primo strumento pratico e semplice da utilizzare per delineare e migliorare il proprio Personal Brand, anche per chi non ha mai studiato Marketing o Branding.

Il Canva offre una rappresentazione grafica del progetto e ti aiuta a rendere esplicite le informazioni date per scontate affinché lo sviluppo del tuo piano e la sua condivisione risulti più semplice e efficace.

Per rendere quindi il Personal Branding accessibile a tutti, Luigi Centenaro, fondatore di BigName, ha ideato il seguente modello di Personal Branding Canva che si ispira alla precedente versione a 9 blocchi di Alex Osterwalder.

Tabella per creare una strategia vincente di Pesonal branding - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Personal Branding Canva – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Il modello si può scaricare gratuitamente online sul sito di BigName.

Si tratta di uno schema grafico diviso in 12 sezioni.

Ti consigliamo di stamparlo su un foglio di grandezza A1 e armarti di post-it e pennarelli per lavorare più comodamente sulla creazione del tuo Personal brand.

Ogni sezione dello schema presenta una domanda e un campo vuoto da compilare con la risposta e ulteriori informazioni. Secondo Centenario, ogni domanda mira a identificare la tua promessa di valore peculiare, comunicarla al pubblico appropriato e raggiungere risultati. Se i blocchi rimarranno tendenzialmente vuoti, si rivela una carenza di identità percepita o comunicata nel brand, ed è bene agirne concretamente.

Una volta completato, saranno chiari il valore offerto, i costi e i benefici del tuo Personal Brand, e i punti da migliorare.

Personal SWOT

Un’ulteriore analisi che puoi compiere sul tuo Personal Brand è la Personal SWOT.

Questo tipo di auto-analisi è utile per capire ciò che funziona bene nel tuo Personal Brand e ciò che deve essere ancora migliorato. 

Per utilizzarla, è necessario fissarti un obiettivo da raggiungere, poi riempire le sezioni dello schema del Personal SWOT tenendo sempre a mente l’obiettivo preposto. 

Tabella per svolgere l'analisi SWOT - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Schema analisi SWOT – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Le sezioni dello schema di analisi della Personal SWOT sono 4 in totale: la prima sezione è dedicata ai punti di forza (strenghts), la seconda alle debolezze del Personal Brand (weaknesses), la terza alle possibili opportunità (opportunities) e la quarta alle minacce (threats).

Una volta completato lo schema, ti sarà subito chiaro se l’obiettivo che ti sei preposto sia fattibile o meno. Inoltre, mentre lo compili possono nascere diverse idee strategiche e creative sul tuo Personal Brand, grazie al lungo brainstoarming svolto per il suo completamento.

Come fare personal branding

  • Il primo passo per una strategia di Personal branding è il controllo e la pulizia delle tracce già presenti online del tuo Personal brand.
    Due consigli sono cercare il tuo nome su Google e controllare i risultati di ricerca nella SERP focalizzando l’attenzione sui primi 10 risultati, e pulire e eliminare tutti i post presenti sui social che potrebbero danneggiare il Personal brand.
  • Il secondo passo è delineare le caratteristiche del tuo Personal brand nei minimi dettagli, utilizzando gli strumenti che abbiamo già citato. Una volta delineate le caratteristiche principali del tuo Personal Brand, è importante scrivere chiaramente un Personal Branding statement, ossia una breve ma precisa descrizione del Personal Brand, creare un’immagine del brand così da mantenere un’identità visiva coordinata per ogni pubblicazione, e decidere un ton of voice coerente e adatto alla tua identità.

Da qui in poi, inizia la parte di pianificazione e strategia. Per una buona strategia è necessaria un’organizzazione degli obiettivi per scadenze. Questi obiettivi devono essere realistici e raggiungibili, con tempistiche precise e funzionali.

  • Inizia col delineare una Content Strategy per i tuoi canali social, per il sito web e per il blog; ogni contenuto deve essere ottimizzato in ottica SEO e coerente con la brand image scelta.
  • Crea connessioni e collaborazioni con altre personalità rilevanti nella tua nicchia. Una buona idea può essere iniziare da persone che già conosci, per poi connetterti ad altri influencer e personalità del settore. 
  • Alcuni consigli su come farti conoscere e creare connessioni? Sicuramente, scrivere articoli su altri blog di rilievo che rimandino al tuo Personal brand, produrre contenuti in collaborazione, partecipare a eventi, sfruttare le potenzialità dei social o creare un podcast.
  • Una volta allargato il tuo pubblico, è importante non dimenticare di consolidare i rapporti con esso. Costruire un buon legame con la tua fan base crea una vera e propria relazione di fiducia. Come? Creando post con costanza e coerenza, rispondendo frequentemente al pubblico, ideando contenuti ingaggianti che possano premiare e far sentire coinvolto il target di riferimento.
  • Infine, è di fondamentale importanza misurare il successo del tuo Personal brand regolarmente; può essere una buona idea impostare dei KPI (Key performance indicator) che aiutino a controllare l’andamento dei contenuti pubblicati. Un monitoraggio continuo può aiutare a capire quali contenuti siano più performanti e quali invece da evitare per un maggiore successo del Personal brand. Alcuni KPI di valore possono essere: quando una vendita si converte dal tuo blog, quando si è ricevuta una chiamata per parlare a un evento o un podcast, quando si è stati raccomandati a un cliente potenziale, quando un giornale ti invita per scrivere nel blog, quando le persone iniziano a menzionarti online, sui social media, nei loro blog, o in altri media importanti.

Quali sono i vantaggi del Personal Branding?

Spesso molte persone pensano erroneamente che una strategia di Personal branding porti vantaggi solo a professionisti, freelancer e personalità di spicco. Al giorno d’oggi, tutti hanno una presenza online, anche semplicemente tramite i propri profili social, ed è quindi bene curarla come se fosse un biglietto da visita. Se i profili social di una persona sono ben curati, avrà maggiori possibilità di dare una buona impressione durante colloqui o occasioni in cui dovrà affrontare una selezione.

Una strategia di personal branding efficace farà crescere esponenzialmente l’awareness, ovvero la notorietà, del tuo Personal Brand. Una maggiore notorietà e cura del personal tuo brand porterà il pubblico a provare un maggior senso fiducia nei tuoi confronti. Come abbiamo già detto per il caso di Coca-cola, posti davanti a una scelta tutti preferirebbero affidarsi ad una persona già conosciuta, per cui nutrono un maggiore senso di fiducia. Una maggiore notorietà e fiducia, porterà a nuove opportunità, nuove conoscenze e migliori relazioni, quindi ad un maggiore successo professionale.

Come scegliere la giusta piattaforma?

Nella miriade di piattaforme disponibili online è sicuramente difficile orientarsi. La soluzione migliore è partire dallo studio del pubblico di riferimento del Personal Brand; raccogliere dati demografici ma anche psicologici. A partire da questi dati sarà possibile capire le piattaforme su cui il pubblico di riferimento passa più tempo e scegliere il canale più adatto.

Come fare personal branding sui social media

  1. Il primo ingrediente per una strategia di personal branding efficace sui social è la costanza. I contenuti pubblicati devono essere frequenti e coerenti per essere premiati dagli algoritmi dalle piattaforme social.
  2. La costanza non deve andare a discapito della qualità. I contenuti pubblicati devono essere interessanti per l’audience di riferimento e devono portargli valore; che sia un contenuto informativo, di intrattenimento o di altra natura.
  3. Il terzo passo è mantenere un’interazione il più possibile frequente con il pubblico. Come? Rispondendo ai messaggi e commenti e condividendo più informazioni possibili con il tuo pubblico, per dare un’idea di trasparenza e creare un rapporto intimo e di fiducia.
  4. Quarto punto è mantenere i profili social costantemente aggiornati; è sconsigliato lasciare scorrere troppo tempo da una pubblicazione e l’altra. In più, è di fondamentale importanza scegliere degli argomenti al passo coi trend del momento.
  5. Importante è anche trovare e inserirsi in gruppi online rilevanti per la nicchia del tuo target.
  6. Infine, mantenere il ton of voice e l’immagine del personal Brand sempre coerente per tutti i canali, così da rendere il tuo Brand immediatamente riconoscibile e unico.

Consigli per il personal branding

  • Essere autentici. Il modo più semplice per costruire un Personal Brand di successo è che sia il più vicino possibile alla tua vera persona. Il personal Brand deve rispettare i tuoi valori, risaltare le tue caratteristiche peculiari e le tue abilità.
  • Creare e valorizzare di un tema unitario: non solo dal punto di vista contenutistico, ma anche visivo. Una volta stabilita una palette di colori, i font e tutto ciò che caratterizza l’identità visiva del tuo Personal Brand, è necessario mantenerla per ogni canale, sia online che offline. Attenzione alle piattaforme social, foto profilo, biglietti da visita, chiusura nelle mail, cartoleria, brochure e persino i vestiti appropriati in eventi pubblici.
  • Raccontare una storia attorno al personal tuo Brand. Al giorno d’oggi lo storytelling è diventato essenziale per il successo di qualsiasi brand. È sicuramente una mossa vincente creare una narrazione attorno al Personal Brand a cui il pubblico possa sentirsi legato.
  • Creare un impatto positivo: dopo aver creato la personalità del tuo brand, è importante formare una comunità attorno ad esso mantenendo un’attitudine positiva e aiutando gli altri.
  • Seguire esempi di successo, che ti siano di ispirazione continua.

Personal branding esempi: Chiara Ferragni ed Estetista Cinica

Il caso di personal branding più famoso in Italia: Chiara Ferragni

I casi di personal Branding più rilevanti in Italia sono sicuramente i marchi di Chiara Ferragni e Fedez. Le due personalità già prima di fidanzarsi avevano costruito due forti Personal brand; Chiara, la fashion blogger più famosa e criticata d’Italia, e Fedez, rapper anticonformista ma dall’immagine sensibile e emotiva. 

Copertina serie televisiva The Ferragnez - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
The Ferragnez – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Insieme oggi formano i Ferragnez, una Brand identity unica, forte e coesa. Ma cosa si può imparare da questo caso in fatto di Personal branding?

In primo luogo, sicuramente quanto sia fondamentale lo stroytelling per la costruzione di un Personal brand di successo.

Chiara e Fedez sfruttano i canali social, soprattutto Instagram, per raccontare una storia; la loro storia d’amore dagli albori, il matrimonio, il primo figlio. In questo caso si parla di brand storytelling.
Attorno al brand è creato un racconto: un amore da favola con tutte le caratteristiche della teoria della narrazione; eroe, sfide, obiettivi da raggiungere. Condividono da una parte storie di vita di tutti i giorni, che lasciano immedesimare il pubblico e creano un vero e proprio legame e rapporto di fiducia. Dall’altra, descrivono situazioni e contesti tipici dello show business che fanno riferimento invece a una dimensione più aspirazionale, facendo sognare il pubblico e tenendolo incollato allo schermo.

Il secondo insegnamento da trarre da questo caso è sicuramente l’importanza della costanza e della serialità nella produzione di contenuti. Chiara e Fedez sono una coppia fuori dal comune, che condividono stralci della loro vita con continuità, senza mai deludere le aspettative dei followers. Grazie alle storie su Instagram così frequenti riescono a soddisfare la curiosità dei fan e creare un rapporto stretto e personale. Questa strategia inoltre assicura loro una continua attenzione sia sui social network che sui media tradizionali.

Il terzo punto su cui focalizzarci è la scelta dei canali giusti. Per quanto riguarda Chiara e Fedez, per solidificare il loro brand usano lo strumento più adatto: Instagram, che grazie alla comunicazione per video e immagini si presta particolarmente bene al loro obiettivo. 

Infine, l’importanza di stabilire dei valori del brand, ben rappresentati e incarnati dalle due personalità. 

Un caso di successo unico: Estetista cinica 

Parlando di casi di Personal branding di successo, non possiamo non nominare l’Estetista Cinica, personaggio creato da Cristina Fogazzi nel 2009. Grazie alla sua comunicazione, è riuscita a far conoscere il proprio personaggio, il suo centro estetico Bellavera e la linea di skincare VeraLab con risultati inaspettati. 

Foto di Estetista Cinica - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Estetista Cinica – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Il caso di Estetista Cinica mostra anzitutto quanto sia importante creare una Brand Identity forte e distintiva. Il suo ton of voice è schietto e cristallino ma anche ironico e polemico, originale rispetto ai toni dei competitor; le dà un posizionamento unico e che rispetta in ogni suo contenuto. 

La sua immagine visiva è facilmente identificabile e coerente sia online, dove il rosa pervade come colore caratterizzante sul sito e sui profili social, che offline dove sfoggia un look unico; caschetto castano e il rossetto rosso, che sono entrati a far parte a tutti gli effetti della sua brand identity.

Dal caso di Estetista Cinica, poi, è evidente quanto sia rilevante la competenza nel proprio settore. Una buona comunicazione non basta; per costruire una Brand identity forte è importante che ci sia un alto grado di professionalità e esperienza riguardo alle tematiche e contenuti che vengono pubblicati.

In definitiva, posizionamento di marca originale, stile comunicativo unico e coerente, stretto legame con la community sono gli ingredienti principali del successo di Estetista Cinica, che nel 2019 raggiunge un fatturato da 29 milioni di euro. Un risultato eclatante, ottenuto grazie all’impiego della giusta strategia di Personal Branding.

Studio Makoto ti supporta nella creazione del tuo Personal Branding

Come avrai capito leggendo quest’articolo, il personal branding è qualcosa che richiede tempo e fatica, ma una volta che lo avrai fatto, ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi in modo proficuo e gratificante.

Studio Makoto si occupa della gestione delle Brand SERP, ossia la pagina dei risultati che Google fornisce quando si usa il proprio nome come query di ricerca (magari unito da un “chi è?”). 

La Brand SERP è il tuo biglietto da visita verso i tuoi potenziali clienti, o un responsabile delle risorse umane di un’azienda con cui stai per sostenere un colloquio.

In certi casi e facendo le mosse giuste, magari col supporto di Studio Makoto, potrai anche ottenere un Knowledge Panel, il pannello informativo che nelle ricerche da desktop si trova sulla destra.

Siamo una delle pochissime agenzie al mondo (meno di 10!) ad essere consigliate direttamente da Kalicube, l’unico tool al mondo concepito per l’ottimizzazione e il tracciamento delle Brand SERP. 

https://studiomakoto.it/wp-content/uploads/2021/12/Frame-img.png

Che tu sia responsabile marketing digitale di una grande azienda o un ristoratore, Studio Makoto saprà affiancarti in ogni attività di marketing e comunicazione con un solo obiettivo: la crescita del tuo fatturato.

Contattaci!

Domande frequenti

Originally posted 2022-03-10 01:24:31.

Chiara Ottone

Copywriter