Analisi micro-dati: cos’è e perché è così importante per la tua attività

Illustrazione astratta con tre ragazzi stilizzati e le icone dei Social Network più famosi - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

L’analisi micro-dati ti consente di sapere di più sui tuoi clienti e i loro interessi. Si tratta di un tipo di analisi che va a recuperare e interpretare la miriade di informazioni che gli utenti lasciano online sui loro gusti e le loro abitudini.

Con l’aumento dei dispositivi mobili e delle piattaforme di social media, l’analisi dei micro-dati è diventata sempre più fondamentale per ogni marketer. Tali tecnologie, infatti, consentono di raccogliere enormi quantità di informazioni sulla nostra vita quotidiana; questi dati – se analizzati e sfruttati seguendo il giusto metodo – possono rendere vincente qualsiasi strategia di digital marketing e social media marketing.

In questo articolo daremo un’occhiata ad alcuni metodi per condurre un’analisi micro-dati online e capiremo perché sia così vantaggioso sfruttarla per la tua azienda.

Cosa sono i micro-dati? Cos’è una footprint?

I micro-dati sono vere e proprie tracce e segnali che le persone lasciano online. Queste tracce digitali, chiamate anche digital footprint, consistono in qualsiasi informazione su di te o sulla tua attività online che fornisci proprio durante la navigazione.

Ogni qualvolta che fai una ricerca su Google, lasci una recensione online, scrivi un commento sui social media, lasci delle importanti tracce di te.

Ma non solo, i micro-dati possono consistere anche in elementi come i tuoi profili di social media, siti Web, blog, forum e altro ancora. Sono tutte fonti di informazioni importanti sui tuoi gusti, sui tuoi interessi, sulle tue abitudini. 

L’espressione “micro-dati” viene coniata da Giacchino, il quale approfondisce il tema nel suo libro Design marketing, analizzare i micro dati per testare e scalare strategie di mercato. Nel libro, Giacchino illustra una procedura di analisi di micro-dati per step e con tool che, magari in maniera meno strutturata, fanno già parte dell’armamentario di ogni marketer che voglia fare analisi di audience.

Il punto forte di fare analisi di micro-dati è il fatto che questi siano interamente pubblici e disponibili online. Una volta raccolti in modo strategico e analizzati, possono diventare informazioni fondamentali sul nostro target-buyer persona.

Attraverso un’attenta analisi dei micro-dati che il nostro pubblico lascia online, possiamo capire gli alimenti che mangia, i prodotti che acquista, i contenuti che predilige, le attività fisiche che pratica, come amano trascorrere il tempo libero.

Tutti questi elementi possono essere sfruttati per la tua strategia di marketing, per la creazione di contenuti o per capire il potenziale di mercato del tuo prodotto o servizio.

Idealmente, i micro-dati nascono perlopiù – ma non solo – dai micro-momenti che, secondo Google, sono tutti gli istanti in cui le persone hanno una necessità o una curiosità che può essere soddisfatta con una consultazione online. (Giacchino)

I micro-momenti di Google

I micro-momenti consistono in tutti quei momenti in cui una persona usa internet per fare una ricerca online spinto da curiosità, interessi, necessità. Google li definisce anche “momenti che contano” poiché condizionano il processo decisionale del consumatore e hanno quindi un valore inestimabile per le aziende, e li approfondisce nel suo blog ufficiale.

Dal lato utente sono momenti per divertirsi, imparare, informarsi e acquistare; sono momenti che si susseguono durante le giornate di ognuno di noi, momenti in cui prendiamo il nostro smartphone in mano e facciamo una ricerca online, proprio come mostra Google nel video seguente. 

Video youtube sui Micro-moments di Google

Se prima dell’avvento dell’era digitale le aziende impostavano le loro strategie di vendita classificando i consumatori in base ai dati socio demografici e agli stili di vita, adesso Google sottolinea l’importanza di andare ad intercettare il pubblico proprio nei micro-momenti. Per le aziende è diventato fondamentale competere per cogliere l’opportunità di connettersi con i clienti quando questi sono online e pronti a effettuare una specifica azione.

Secondo Google i micro-momenti sono suddivisi in 4 tipologie:

  • I-want-to-know moments; quando una persona sta esplorando e facendo ricerche, senza per forza aver intenzione di acquistare qualcosa.
  • I-want-to-go moments; quando una persona sta cercando un’attività locale o sta pensando di comprare un prodotto in un negozio vicino.
  • I-want-to-do moments; quando una persona cerca aiuto per completare un’attività o sta cercando qualcosa di nuovo.
  • I-want-to-buy moments; quando una persona è pronta all’acquisto e ha bisogno di aiuto per decidere cosa comprare o come comprarlo.
Infografica sui micro-momenti di Google - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Micro-momenti di Google – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Questi momenti generano moltissime informazioni rilevanti sul contesto degli utenti (dove si trovano, quale dispositivo stanno utilizzando o in che ora del giorno esprimono un determinato bisogno), ma anche sull’intenzione (cioè cosa desiderano o di cosa hanno bisogno in quel momento). 

Ciò li rende una vera e propria miniera d’oro per chi si occupa di marketing; grazie a questi dati si ha la possibilità di proporre contenuti pertinenti ed entrare in contatto con i consumatori in modo più significativo. I micro-momenti sono momenti in cui gli utenti vogliono che i loro desideri e necessità siano soddisfatti all’istante, in cui prendono decisioni, in cui definiscono le proprie preferenze. Se un’azienda riesce ad intercettarlo ed inserirsi in modo strategico, può fare davvero la differenza. 

https://studiomakoto.it/wp-content/uploads/2021/12/Frame-img.png

Che tu sia responsabile marketing digitale di una grande azienda o un ristoratore, Studio Makoto saprà affiancarti in ogni attività di marketing e comunicazione con un solo obiettivo: la crescita del tuo fatturato.

Contattaci!

Dove sono i micro-dati

Come avrai già capito, i micro-dati possono trovarsi ovunque sul web, basta saper fare le giuste ricerche e usare i tool adatti. Sono su google, nei social, nei post degli utenti, nei gruppi delle community, tra le righe di una recensione.

Ad esempio, analizzando il profilo social di un utente possiamo capire molto su di esso; i suoi pensieri, i suoi interessi, la sua cultura di riferimento, il suo linguaggio e l’inclinazione politica. Questa analisi è adatta non solo i profili del tuo pubblico, ma è utile anche per l’audience dei tuoi competitor.

Oppure, analizzando le ricerche correlate e suggerite da Google capiamo quali sono le domande e gli argomenti che le persone vogliono approfondire. Un tool interessante per questo tipo di approfondimento è Answer the Public, che illustra le domande di ricerca degli utenti in base ad una keyword a tua scelta. 

Nell’esempio abbiamo analizzato le domande degli utenti con la keyword “succhi di frutta”; il tool ci ha generato una serie di domande che gli utenti si pongono su questo argomento, suddivise per preposizioni.

Grafico sulle domande più chieste per succhi di frutta - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Grafico di Answer the public – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Utilizzando strumenti di keyword research e advertising possiamo persino qualificare il numero di ricerche rispetto ad un argomento, e capire il livello di interesse del pubblico nei suoi confronti. 

Perché è importante analizzare i micro-dati?

Per progettare una strategia di successo il miglior modo è sempre partire dall’analizzare il mercato; capire chi è il tuo pubblico, i suoi gusti e interessi, come si muove su internet, come cerca informazioni.

L’analisi dei micro-dati ti consente di intercettare tutte queste informazioni basandosi su dati qualitativi forniti dagli utenti stessi. Con questo procedimento di analisi, è possibile prendere decisioni strategiche con consapevolezza; costruire una strategia di vendita vincente perché proprio basata sui desideri e caratteristiche reali dei tuoi clienti.

Vantaggi dei micro-dati

  • I micro-dati sono autentici, perché auto prodotti involontariamente dagli utenti e non influenzati da variabili esterne.
  • Sono archiviati nel tempo: è possibile tornare indietro di anni fino al primo contenuto caricato di un utente.
  • Quest’ultimo aspetto consente di osservare nel tempo i cambiamenti delle persone, dei gruppi, dei brand.
  • L’analisi di mercato con i micro-dati è un approccio prezioso per comprendere anche la concorrenza. Tali osservazioni sono utili per definire il posizionamento della tua azienda, in modo che sia unico e differenziato rispetto ai competitor.
  • Nella pratica, i micro-dati ti permettono di progettare un piano marketing che si basa sui comportamenti reali degli utenti e non su supposizioni o speranze. 

Come sfruttare i micro-dati in una strategia di marketing?

1. Analizza i profili social del tuo pubblico

I social media sono una fonte inesauribile di informazioni sull’identità e la vita quotidiana delle persone. Nessun social è escluso: Facebook, Instagram, Linkedin, Youtube e Twitter. Leggi che cosa scrive il tuo pubblico, osserva i post, i commenti, le caption sotto le foto. Puoi capire molto da queste fonti sulla tua categoria di riferimento; i loro pensieri, i loro dubbi, i desideri nascosti, la loro personalità. Analizza anche le foto che pubblicano; presta attenzione a come si vestono, dove sono stati in viaggio, quali luoghi frequentano. Facendo una ricerca tramite hashtag, puoi studiare le abitudini e lo stile di vita di un’intera categoria.

Grazie a queste semplici informazioni raccolte è possibile creare un identikit molto dettagliato delle tua buyer persona. Tutti questi dati ti torneranno utili per la creazione di migliori contenuti, che possano andare incontro proprio ai gusti, i bisogni e gli interessi della tua audience.

2. Osserva i tratti linguistici della tua community

Dopo aver letto i commenti sotto i post, le caption, le recensioni ti accorgerai che la tua community utilizza delle parole e tratti linguistici particolari. Sfrutta il suo stesso vocabolario per i copy delle tue ads, per i tuoi post, per i tuoi messaggi promozionali. L’obiettivo è quello di far pensare al tuo pubblico “questo contenuto sembra proprio realizzato per me”. Con questa tecnica infatti potrai rendere il tono delle tue ads molto più vicino alla tua audience; creerai un tipo di contenuto empatico, ossia più vicino al loro modo di pensare e di esprimersi, ai loro desideri e bisogni veri.

3. Sfrutta degli Adspy per analizzare la concorrenza

Ricostruire la strategia di marketing della concorrenza e comprendere quali contenuti dei competitor ottengono le migliori performance sono spunti fondamentali per la tua strategia. Puoi imparare dai loro errori, talvolta prendere ispirazione ma soprattutto capire come differenziarti in questo mercato ipercompetitivo. 

Per ottenere questi micro-dati sfrutta i diversi Adspy disponibili online; sono tool utili per analizzare le campagne ads della concorrenza. Ti consigliamo tool come SEMrush, utile per analizzare le campagne di ads su Google, o Big Spy utilizzabile su piattaforme come Yahoo e Pinterest. Tramite la libreria di inserzioni di facebook è possibile invece analizzare gratuitamente le campagne pubblicitarie degli ultimi 90 giorni su Facebook e Instagram.

Nella schermata di sotto ti mostriamo Adspy, tool grazie al quale è possibile sfruttare numerosi filtri di ricerca; data delle ads, numero di like, tipo di formato. Nell’esempio riportato vengono mostrate tutte le ads video su Shopify, filtrate per data e numero di like.

Schermata di ricerca di Adspy - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Schermata di Adspy – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

4. Tieni d’occhio i trend di ricerca

Tenere conto dei trend è importante per gestire in modo consapevole e strategico la tua offerta di contenuti, di prodotti o di servizi. Online sono disponibili tantissimi tool per analizzare i trend di ricerca da parte degli utenti.

Primo fra tutti Google Trends; tramite questo strumento puoi capire in quale paese vi è più interesse di ricerca rispetto a qualsiasi argomento, confrontare quali prodotti sono più cercati online e in quale periodo, o Buzzsumo; utile per individuare topic in trend sui social e indicare i principali influencer in relazione a particolari argomenti.

Qui di seguito ti riportiamo una schermata di Buzzsumo, dove abbiamo cercato la parola “succhi di frutta”.

Schermata di ricerca su Buzzsumo - Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione
Schermata di Buzzsumo – Studio Makoto Agenzia di Marketing e Comunicazione

Dalla ricerca, emerge come il principale tema legato a questo alimento in termini di condivisioni social è quello sui benefici dei succhi sulla salute. Un riscontro non banale nel caso in cui dovessi pianificare una campagna social per promuovere un brand che produce questo prodotto.

Se sei interessato a capire il potenziale del tuo prodotto o servizio in vari paesi sfrutta tool come Google Market Finder e Facebook Cross Border. In generale, per rimanere al passo con i trend ti consigliamo di consultare assiduamente i report e i tool disponibili su Think with Google e Facebook IQ.

Analisi micro-dati col supporto di Studio Makoto

Come hai potuto approfondire nell’articolo, le analisi micro-dati sono analisi molto utili a capire il potenziale di mercato del tuo prodotto o servizio e su quale pubblico puntare.

Sono procedure che richiedono tempo ed esperienza, ma con il giusto aiuto portano a dei risultati proficui, donandoti un vantaggio competitivo rispetto alle altre aziende. Ti consentono, insomma, di investire senza errori!

Se stai elaborando una strategia di marketing o stai impostando una nuova strategia di content marketing, lasciati assistere da Studio Makoto. Siamo specializzati nell’analisi di micro-dati e accompagniamo i clienti in tutta la parte di ricerca.

Ti aiutiamo a comprendere i trend di ricerca del tuo pubblico, quali trend devi seguire per le tue offerte di contenuti, prodotti o servizi. Ti assistiamo nel creare il perfetto identikit delle tue buyer personas e ad adattare i tuoi contenuti alle loro esigenze, i loro bisogni, i loro desideri reali. Analizziamo anche tutti i tuoi competitor, così da scovare su quale strategia e quali contenuti dovrai puntare per posizionarti al meglio all’interno del mercato.

https://studiomakoto.it/wp-content/uploads/2021/12/Frame-img.png

Che tu sia responsabile marketing digitale di una grande azienda o un ristoratore, Studio Makoto saprà affiancarti in ogni attività di marketing e comunicazione con un solo obiettivo: la crescita del tuo fatturato.

Contattaci!

Domande frequenti